Il Consiglio Comunale aperto, del 14 maggio 2018,  dedicato alle aree Ata, voluto dalle forze di opposizione, ha permesso ai cittadini di comprendere alcuni aspetti delle famose (o famigerate) aree, nonostante i numerosi interventi chiarificatori (volutamente ?) troppo tecnici. Tante belle parole, promesse di grandi guadagni per le casse comunali, meravigliosi tetti verdi, grandi infrastrutture, piste ciclabili, 200 negozi, 40 tra bar e ristoranti, la trasmissione di  un bellissimo video molto avvincente, dove si poteva ammirare la meraviglia di questo Open Moll con addirittura delle navette per girare all’interno dell’area.

Proviamo a guardare dietro questo video, e pensiamo come potrebbe farlo il casellese che in questi anni ha investito i propri soldi e sacrifici per attività commerciali e potrebbe vedersi tagliato fuori da questa opera, oppure come il casellese e non, che ha investito acquistando una casa per avere la natura sotto gli occhi ed invece avrà la gioia di avere una tangenziale di 10,5 mt di larghezza con conseguenti rumori e inquinamento. Quale sarà la fine del perfetto ecosistema, che verrà distrutto in nome di un sistema a cui non interessa il cittadino ma solo il denaro? 

Da parte nostra, continuiamo a far fatica nella ricerca degli aspetti positivi del cementificio Ata, in quanto questo dispiegamento di bitume e cemento e il conseguente disboscamento dell' area preposta non è sensato, soprattutto nell' ottica della sostenibilità e della salvaguardia dei territori e dell' ambiente. Se da una parte le promesse tangenziali e la rivisitazione della viabilità casellese potrebbe portare benefici in termini di scorrevolezza, per contro l' aumento del traffico dovuto alla maggiore affluenza dovuta all' area caricherebbe di inquinamento una zona fortemente sollecitata dalla presenza dell' aeroporto e dal viavai degli aeromobili.

Quale sarà la ricaduta sul commercio casellese ?  Non abbiamo ricevuto nessuna risposta chiara. Secondo noi  l' effetto sarà sicuramente devastante per tutti i commercianti. Siamo andati a parlare con i commercianti di altre cittadine, con accanto un centro commerciale, come ad esempio Le Gru, e ci hanno confermato che i visitatori non fanno mai successivamente un giro nella città di Grugliasco. Chiederemmo pareri ai commercianti di Serravalle e Vicolungo ma sarebbe una perdita di tempo, conoscendo già la risposta. 

Tocchiamo l' argomento posti di lavoro ?  L' esperienza ci insegna che i vincoli iniziali di assunzione di lavoratori legati al territorio in altre realtà sono stati fallimentari, in quanto i contratti a (brevissimo) termine sono stati rimpiazzati quasi subito da assunzioni che creano condizioni favorevoli solo per le aziende e quasi mai per i lavoratori, speriamo di sbagliarci naturalmente, però ...

Un aspetto apparentemente positivo sarà l’incasso di oneri di urbanizzazione e imposte comunali, denaro liquido fresco nelle casse del Comune, destinato ad opere che, a detta dell' amministrazione, non si sarebbero mai potute fare per i soliti problemi di bilancio. ... e se queste aree Ata non dovessero decollare? Non ci fate passare per Cassandre ma il punto interrogativo è d' obbligo. Ci dicono che gli investitori ci sono ma per ora non si è visto molto, pur concordando che il progetto è ancora in una fase di sviluppo. Il minor ingresso di tanti soldini impedirebbero tante attività che sono state programmate solo in caso positivo e quindi la realizzazione di tanti punti del programma della maggioranza, che potranno essere messe in opera, solo grazie a questi incassi. Non sarebbe più sensato pensare ad una ricerca oculata, legata all' eliminazione degli sprechi e ridistribuzione delle risorse per racimolare una quantità di denaro utile per la realizzazione di opere importanti per Caselle ? Più che altro per non dover dipendere spasmodicamente da un introito che forse potrebbe arrivare ... o forse no ...

Un ultimo ma non meno importante punto: Gli interlocutori di Satac hanno informato il pubblico presente che si sono rivolti all’anticorruzione per la verifica che la documentazione sia in regola. Noi del M5S di Caselle lo abbiamo chiesto parecchi mesi fa, ma attendiamo ancora una risposta da parte dell’amministrazione

In conclusione possiamo dire che ovviamente il M5S casellese è contrario a questa cattedrale nel deserto, ma visto che è impossibile fermare o cambiare nulla, non ci resta che vigilare attentamente sul buon operato di tutti e consigliare l' uso del buon senso e del pensiero verso la tutela dell' ambiente e della salute dei cittadini.


Oggi, 30 Dicembre 2017, abbiamo ricevuto una buona notizia.

Grazie alla nostra interrogazione "protocollo antismog", che potrete leggere al seguente link https://www.m5scaselletorinese.it/interrogazioni/, l'amministrazione ha accolto la nostra richiesta.

Anche a Caselle, potremo avere una centralina di rilevazione antismog, per il monitoraggio della presenza di polveri sottili sul nostro territorio. Pensiamo che sia una ottima conquista, per la salvaguardia della salute di tutti i casellesi.


 

Durante il Consiglio Comunale del 21/12/2017, il M5S ha abbandonato l'aula per protestare pacificamente sulla scarsa considerazione alle richieste dei gruppi di opposizione. E non a torto, vista la risposta che è stata data dal Sindaco.

Per chi avesse voglia di informarsi, di seguito il testo letto dal nostro Consigliere Roberto Giampietro:

 

Richiesta variazione orari consiglio comunale serale

 

Vorrei ricordare al Sindaco e ai signori consiglieri di maggioranza che, in data 18 agosto 2017, è stato presentato e protocollato, da parte di tutte le forze politiche di minoranza, la richiesta di effettuare i consigli comunali in orari consoni alle attività professionali dei consiglieri come esplicitamente citato dal tuel art 38 paragrafo 7.

Abbiamo pazientato fino ad oggi, lasciando il tempo e lo spazio necessario alla vostra amministrazione, di organizzare diversamente la gestione degli orari. In questa amministrazione, purtroppo continuiamo ad osservare comportamenti poco collaborativi , che a volte rendono difficile il dialogo.

A 4 mesi di distanza il sindaco non ha preso neanche lontanamente in considerazione la nostra richiesta creando una situazione ingestibile e anti democratica. Come potrà osservare, la consigliera Ivaldi non è presente in questo momento, non per mancata responsabilità nei confronti dell”incarico amministrativo, ma per incompatibilità di gestione degli orari tra la sua professione e il cc. 

Ci auguriamo che nessuno si permetta di fare inutili considerazioni, come successo in passato, dove si possa pensare, che il gesto che faremo, sia una scusa per giustificare impreparazione agli argomenti che si andranno a trattare in questo cc.

Speriamo che possa essere compreso, che per noi, le regole e le istituzioni sono importanti e che non vogliamo alzare le spalle alla mancanza di osservazione di richieste legittime e sacrosante.

Per questo il movimento 5 stelle ha deciso che questa sera non parteciperà a questa seduta protestando pacificamente, nella speranza che le richieste della minoranza vengano rispettate e affrontate nei tempi dovuti. In tal senso vogliamo ricordare al sig. Sindaco che il m5s sta attendendo risposte a richieste protocollate, di cui non abbiamo ancora ricevuto riscontro.

Invitiamo i componenti delle altre opposizioni a seguire la nostra azione, per coerenza a quanto richiesto e firmato

 

M5S Caselle Torinese 


Nella giornata di lunedì 27 Novembre 2017 all'O.d.G. del Consiglio Comunale è stata approvata la variazione di classe acustica dell'area sulla quale sorgerà il nuovo polo commerciale di Caselle, passando da classe 3, area di tipo misto con media densità di popolazione e presenza di attività commerciali, a classe 4 con aree di intensa attività umana, intenso traffico veicolare, alta densità di popolazione ed elevata densità commerciale.
Il MoVimento 5 Stelle durante il Consiglio Comunale ha esposto le proprie perplessità sorte durante lo studio della convenzione tra Comune e Soggetto Attuatore e del Piano Finanziario, peraltro da noi richiesto in sede di osservazioni alla Variante al Piano Regolatore in data 30 Novembre 2013.
In particolare, a tutela del Comune e quindi di tutti i cittadini, il m5s ha chiesto che venga inviata la documentazione all'Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC). Questo il nostro intervento integrale.
M5S Caselle Torinese

Oggetto: Intervento nel Consiglio Comunale del 27.11.17 da parte della Consigliera Ivaldi Enrica

 

Le Aree ATA sono un sogno della fine degli anni ’90 che si concretizza con un accordo di programma nel 2003.

Arriviamo al 2017 dove approvano l'ennesima variante, che non sarà sicuramente la conclusiva, ma è una delle tante di questi ultimi 25 anni, su richiesta degli enti 

attuatori succedutesi nei tempi.

Da dove rileviamo questo? Dalla bozza di convenzione e Relativo Piano Finanziario approvato fine 2016.

La convenzione ci racconta tante cose sulla carta, dalle parole ai fatti……ad esempio:

1° Le opere di urbanizzazione previste da questa Convenzione non sono un regalo della Società, ma obblighi previsti dalla legge Regionale. ( ammontano a oltre 

46.000.000 di euro, di soldi pubblici). I tempi di realizzazione massima è di 10 anni dalla data della stipula della stessa.

Dalla stessa Convenzione rileviamo che l'esecuzione delle opere di Urbanizzazione( soldi che dovrebbero essere versati nelle Casse Comunali e gestiti con le 

procedure di Evidenza Pubblica), invece verranno gestite direttamente dall’ Ente Attuatore con procedura a sua discrezione, sia per le progettazioni, che i lotti di 

esecuzione, le imprese esecutive e i relativi direttori dei lavori. Al Comune resta solo la nomina del Collaudatore finale delle Opere.

Quanto di tutto questo ammontare, 46.000.000 di euro realmente entra nelle Casse del Comune per i cittadini? 743. 740€.

Tenuto conto che si scontano anche gli  oneri di urbanizzazione Secondari, pari a 3.100.000 di euro, che in genere dovrebbero essere spesi per scuole, asili, verdi attrezzati, arredo urbano, la domanda è: ma i cittadini di Caselle andranno all'aeroporto al Parco giochi?

2°Prevista dalla Convenzione, per soddisfare gli interessi dei Privati è lo spostamento del Pozzo Montrucca e relativo serbatoio, in una località più vicino a San Maurizio che a Caselle, Malanghero.

Mentre niente si prevede della disattivazione del pozzo che farebbe gli interessi dei Casellesi, quello del Caldano, che ormai, oltre ad essere obsoleto, pesca a 50 m,  non rispetta nessuna normativa dei 50 e 200m.

Tutto ciò premesso e non volendo dilungarmi ed annoiare il pubblico presente, nel dichiarare la nostra contrarietà all'ennesima approvazione di un Atto riguardante  le aree ATA, chiediamo, per la tranquillità di Tutti i Consiglieri, sia di Maggioranza che di Minoranza, di inviare tutti gli Atti attinenti all'Autorità Nazionale Autonoma  Anticorruzione (Anac) per un parere preventivo sui rischi.

Chiedo che il presente intervento venga inserito integralmente al Verbale di approvazione di questo Punto.

E per salvaguardare la mia famiglia e me stessa non partecipo al voto.

 

Cordiali saluti


Oggetto: Comune di Caselle meno 2.0

 

Sebbene sia stato largamente approvato durante il Consiglio Comunale del 27 Novembre 2017, il punto 7 relativo alla Convenzione tra Ministero, Regione e Comune per la posa e installazione della banda larga su tutto il territorio Comunale, per ben 2 Consigli Comunali consecutivi lo streaming non era funzionante come anche il WiFi.

Il punto 7 approvato, dovrebbe condurre il nostro Comune a diventare 2.0, mentre la mancanza di tecnologia funzionante rende il nostro Comune un Comune meno 2.0.

M5S Caselle Torinese


Vogliamo ringraziare gli esponenti di Sagat per aver partecipato al Consiglio Comunale Aperto del 18 c.m. Ci auguriamo che i dirigenti Sagat abbiano compreso che i Casellesi pretendono rispetto e che, oltre a sopportare e subire l'inquinamento acustico e quello delle polveri sottili, rischiano quotidianamente di essere colpiti da tegole "volanti" a causa del vortex strike. 
Il sindaco ha accolto la nostra richiesta di aprire un tavolo congiunto tra opposizioni e maggioranza, con l'impegno di creare un'apposita commissione, che opererà dopo che il protocollo d'intesa tra Comune di Caselle, Regione Piemonte, Sagat e Leonardo sarà firmato. 
Vigileremo e ricorderemo sistematicamente, a chi di dovere, di ottemperare a questo impegno, per salvaguardare l'incolumità dei cittadini. 
Vi terremo comunque informati sulla nostra pagina fb


Leggiamo con stupore e preoccupazione, l'articolo pubblicato sull'edizione settimanale de "Il Canavese", Le dichiarazioni rilasciate telefonicamente dal nostro addetto stampa Andrea Dolfi, sono state "involontariamente" mal interpretate. Siamo certi che la giornalista provvederà a chiarirsi con il nostro portavoce, al fine di riportare in modo fedele, la reale opinione del M5S di Caselle.


Durante  il  c.c. del 28 giugno 2017, come nel primo c.c. del 2012,  il M5S nell'ottica della diminuzione dei costi della politica, ha proposto la riduzione delle indennità degli eletti.

Dal momento che si è passati sotto i 15 mila abitanti, dal momento che sempre più sacrifici vengono richiesti ai contribuenti, dal momento che la crisi economica sistemica sta minando seriamente le capacità di spesa dei nuclei famigliari, il Movimento 5 Stelle propone che si prenda in considerazione il taglio dell’indennità del Presidente e degli Assessori.

Qualora sussistano dei vincoli di natura legislativa, si potrebbe pensare ad un fondo dove, su base “spintanea”, accumulare e devolvere parte delle indennità.

La ns proposta non è stata accolta, ma la riproporremo al prossimo Consiglio comunale

Il punto 3 si riferiva al programma elettorale della nuova amministrazione.

Il M5S ha evidenziato che più del 50 per cento dello stesso è la copia del precedente proposto nel 2012.

Il Sindaco ha esordito affermando che molti punti che non sono stati realizzati verranno sicuramente messi in pratica nei prossimi 5 anni, in quanto gettate le fondamenta durante il precedente mandato

Caselle è una bella cittadina che apre le porte al mondo con il suo aeroporto, e alle Valli di Lanzo con i suoi paesaggi.

Caselle aspetta…..

…. che qualcuno la prenda per mano e la porti al passo con gli altri comuni

…. di essere interconnessa a Torino in modo veloce

…. che la vecchia Stazione non cada a pezzi

…. che le scuole vengano spostate dal cono di atterraggio degli aerei

…. un centro storico più vivo

…. le aree cani

…. la pista ciclabile sullo Stura

…. i marciapiedi

…. aspetta i fiori nelle fioriere

…. Le strade senza buche

…. una città più sicura

…. zone bonificate 

In attesa noi vigileremo ed informeremo i cittadini

Il punto 8 si riferiva alla nomina e alla designazione dei Rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni.

Il M5S ha proposto emendamento perché le nomine vengano selezionate in base alle competenze  e non alle ‘’conoscenze”. 

Visto che l'emendamento non è stato accettato durante questo Consiglio Comunale, verrà riproposto al prossimo.

Una società moderna, attiva e attenta ai costi, seleziona al meglio le competenze e i supporti necessari, esaminando gli individui preposti in base ai propri profili, preparazione, pertinenze, professionalità e attitudini.